fbpx
facebook twitter rss

Decreto Cura Italia, Cna: “Serve
più attenzione a lavoro autonomo e Pmi”
autotrasporti sul piede di guerra

DECRETO - CNA: "Solo differimenti di scadenze, ci vuole più attenzione per lavoro autonomo e Pmi. Autotrasportatori inferociti: burocrazia aggiuntiva, inammissibili ora le nuove misure per il recupero delle accise. Federmoda: aziende disponibili a produrre mascherine possono contattare la Cna di Fermo"
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Silenzi

“Il maxi decreto varato mette in campo 25 miliardi di euro, utili al potenziamento della sanità pubblica e a tamponare le ripercussioni della crisi economica scaturita dall’emergenza sanitaria. Per il presidente Cna Fermo Paolo Silenzi si tratta solo del primo passo: “Bene l’estensione della cassa integrazione in deroga e ammortizzatori sociali per tutti, ma esprimiamo forte contrarietà sul resto dei provvedimenti: per le partite iva i 600 euro una tantum sono utili ma non decisivi e per le imprese parliamo di semplici differimenti delle scadenze di pagamento. Come si può pensare di rialzare la testa quando saremo finalmente fuori dall’emergenza? Le risorse – prosegue Silenzi – seppure importanti e vitali per sanità e protezione civile, non saranno sufficienti a proteggere lavoro autonomo e piccole imprese, ci vogliono interventi adeguati alla drammatica gravità della situazione”.

Emiliano Tomassini

“Risorse sproporzionate, insomma, rispetto all’enormità dei danni provocati dall’emergenza, destinati a moltiplicarsi se l’emergenza dovesse protrarsi, con effetti drammatici per i livelli produttivi e l’occupazione. Drammatica è la condizione del settore autotrasporto: il 12 marzo, in piena emergenza – annuncia il portavoce degli autotrasportatori della Cna di Fermo, Emiliano Tomassini – sono ulteriormente cambiate le modalità di richiesta di recupero delle accise sul gasolio. Nell’introdurre novità per la compilazione delle domande di rimborso del primo trimestre si aggiunge burocrazia a burocrazia. Ci sono in ballo recuperi di accise per almeno 30 mila euro a trimestre, e parliamo solo delle piccole e medie aziende, risorse con cui le imprese del settore, in sostanza, fanno il bilancio. E’ inammissibile introdurre nuove norme sulle spalle degli imprenditori di un settore che lotta e lavora per la sopravvivenza dell’Italia”. La categoria territoriale, insieme ai livelli regionale e nazionale della Cna Fita, ha chiesto in queste ore il rinvio delle nuove modalità almeno al prossimo trimestre successivo, se non a periodi di maggiore calma.

Alessandro Migliore

“Intanto il comparto moda – spiegano sempre da Cna – si muove, sia per la necessità di lavorare che per fornire risposte all’emergenza nell’emergenza: quella della mancanza delle mascherine. Cna Fermo – dice il direttore e responsabile Federmoda per Macerata e Fermo Alessandro Migliore – è a disposizione per formare un elenco di imprese che possono fornire materiale o collaborare nella produzione di mascherine o altri dispositivi di protezione individuale. Verificheremo la presenza delle condizioni stabilite dall’ultimo Dpcm del 16 marzo e la possibilità di stabilire relazioni tra imprese per contribuire a raggiungere i risultati auspicati”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X