fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

Dramma Coronavirus,
23 nuovi morti nelle Marche:
3 le vittime nel Fermano

DRAMMA CORONAVIRUS - Tra le vittime di oggi ben tre arrivano dal Fermano. Al Murri di Fermo sono deceduti infatti un uomo di 78 anni di Falerone, un altro di 82 anni di Fermo e  una donna di 82 anni di Porto Sant'Elpidio. Ed è proprio il comune elpidiense a pagare al momento il prezzo più alto in questo dramma provocato dalla diffusione del Covid 19.
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

Sale il numero delle vittime da Coronavirus nelle Marche. Nella sola giornata di oggi si sono registrati 23 decessi in tutta la regione. Un dato drammatico che fa capire come la pandemia sia ben lontana dalla fine. Tra le vittime di oggi ben tre arrivano dal Fermano. Al Murri di Fermo sono deceduti infatti un uomo di 78 anni di Falerone, un altro di 82 anni di Fermo e  una donna di 82 anni di Porto Sant’Elpidio. Ed è proprio il comune elpidiense a pagare al momento il prezzo più alto in questo dramma provocato dalla diffusione del Covid 19.

Tutti i pazienti del fermano deceduti avevano patologie pregresse. Il bilancio complessivo dei morti da Covid-19 nelle Marche sale a 114 di cui 83 maschi e 31 femmine. La provincia con il maggior numero di perdite resta quella di Pesaro Urbino con 92 decessi. Segue Ancona con 10, Fermo con 6, Macerata con 5 e Ascoli con 1. Il 98,2 per cento aveva patologie pregresse. Scende purtroppo l’età media dei decessi a 79,5 anni. Un numero che cresce purtroppo velocemente e inesorabilmente giorno dopo giorno.

“Anche oggi è triste il dato del Gores, che conta 23 decessi – commenta il governatore Luca Ceriscioli –  Non è ripetitivo, ed è sentito e condiviso con tutta la regione, l’abbraccio virtuale a tutti coloro che soffrono e a tutte le persone che lavorano giorno e notte in questa emergenza . Rinnovo a tutti l’appello a stare a casa. Non metterci a rischio, e quindi non ammalarci, è il migliore aiuto che possiamo dare alle persone più deboli e al personale sanitario, che stiamo ammirando ogni giorno per il lavoro infaticabile che si sta portando avanti

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X