fbpx
facebook twitter rss

Coronavirus, FdI: “Si resta a casa,
è un imperativo sociale
Con la mascherina se si deve uscire”

VIRUS - L'appello e la 'chiamata alle armi' da casa, ovviamente, di Andrea Agostini, Andrea Balestrieri, Saturnino Di Ruscio, Andrea Putzu e Rossano Romagnoli
Print Friendly, PDF & Email

“Bisogna stare a casa, ai domiciliari verrebbe da dire, e convincere anche gli altri a farlo. Una persona per nucleo familiare a fare la spesa. Oggi è così. Non è colpa nostra, è capitato, ora dobbiamo fare ciascuno la propria parte: come la possiamo fare? Vogliamo partecipare alla vittoria, con coraggio”. E’ l’appello rilanciato anche da Fratelli d’Italia, con i suoi esponenti Andrea Agostini, Andrea Balestrieri, Saturnino Di Ruscio, Andrea Putzu e Rossano Romagnoli, per combattere e sconfiggere il Coronavirus. E infatti usati da FdI sono proprio quelli della battaglia.

“Bene, si va in guerra rimanendo a casa, siamo l’esercito dei riservisti Italiani, la Patria ci chiama al sacrificio, perché questo è. Ognuno il suo, chi non deve uscire per forza e lo fa senza motivo è come un disertore. Uscire per le necessità vere e da soli per quanto possibile. L’infezione è silente ed è tra noi, se si esce il minimo indispensabile ci sono meno possibilità di contagio per tutti. Anche per gli eroi che mantengono i sevizi essenziali aperti. Qui da noi sta per passare la burrasca che era preannunciata ma che in pochi hanno afferrato. Ma la polemica non ferma l’infezione. Questa si ferma solo con la prudenza ed osservanza delle regole. Meglio in più che in meno. Ed anche la mascherina, forse è meglio metterla quando si esce. In fondo sembra che molti non sappiano di avere il virus. Regola di prudenza che supera ogni logica complottista o pareri di esperti, di quelli che parlavano di semplice influenza. La prudenza è una regola santa”.
Fratelli D’Italia.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X