facebook twitter rss

Altri cinque decessi al Murri:
quattro sono del Fermano,
38 positivi tra medici e sanitari

CORONAVIRUS - Alla lista dei positivi ai tamponi, si devono purtroppo aggiungere nove medici e 29 tra infermieri, Oss, tecnici di laboratorio e di radiologia.
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Un venerdì terribile, quello registrato al Murri di Fermo oggi. Il bollettino sanitario è di quelli che fanno rabbrividire. Solo nella giornata odierna, infatti, nel nosocomio fermano si sono spente cinque persone. E così, purtroppo, la lista, termine straziante, dei decessi sale a 18. Nel cuore del dramma, con i morti. Le cinque persone decedute sono  due donne rispettivamente di Fermo e di Petritoli, due uomini,  di Montappone e Porto Sant’Elpidio. La quinta persona deceduta è un uomo di Pesaro. Ma purtroppo gli altri numeri che arrivano dal Fermano, non contribuiscono affatto a alleviare, per quanto possibile, lo scenario nefasto segnato dai lutti.

Sì perché alla lista dei positivi ai tamponi, oggi si devono purtroppo aggiungere nove medici e 29 tra infermieri, Oss, tecnici di laboratorio e di radiologia. Oltre ai 69 ricoveri in totale. Uscendo dalle mura del Murri, nel Fermano si hanno 622 persone in vigilanza domiciliare, quotidianamente contattate dal personale sanitario dell’Area vasta 4, di cui 123 positivi al Covid-19. Insomma un quadro complessivo straziante. Dinanzi a simili numeri è difficile trovare il coraggio per andare avanti, per pensare in positivo, per rafforzare la convinzione che se ne uscirà presto. Ma le istituzioni ripetono continuamente che il primo passo da compiere, anzi, quello determinante, è restare a casa. Primo step per cercare, ognuno per quello che può, di arrestare la propagazione del contagio di un male che sta piegando il Fermano, le Marche, l’Italia. Ma contro il quale non si può perdere la speranza e la determinazione nel voler vincere la battaglia.

Intanto anche oggi dalla Regione e dal Gores arriva la lista dei tamponi positivi, Comune per Comune. “Ciò – spiegano dalla Regione – per fornire un quadro sempre più preciso della distribuzione sul territorio. I dati riguardano pazienti che sono in quarantena presso il proprio domicilio o ricoverati presso una struttura ospedaliera. L’aggiornamento è alle 12 di oggi. Trattandosi di una prima estrazione, questa può essere suscettibile di aggiustamenti”.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti