fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

Coronavirus, deceduta
una donna di Servigliano
:
il cordoglio del sindaco Rotoni

SERVIGLIANO - Attualmente in città vi è un solo 'positivo'. Il primo cittadino: "Cordoglio ai familiari. Questa perdita ci spinga ad essere sempre più rigorosi e consapevoli"
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Marco Rotoni

Purtroppo anche Servigliano piange la scomparsa di una sua cittadina a causa del Coronavirus: si tratta di una donna di 88 anni spirata a causa del maledetto Covid-19. La donna si è spenta mercoledì all’ospedale Murri di Fermo e figurava tra i due ‘positivi’ al Covid-19 nella lista diffusa dal Gores, il gruppo operativo regionale di emergenza sanitaria. “E’ chiaro che l’amministrazione tutta si stringe al cordoglio dei familiari per la grave perdita – le parole del sindaco Marco Rotoni – così come la nostra comunità tutta. Questo lutto deve spingerci ad assumere, ancor di più, comportamenti quotidiani tesi alla responsabilità sociale.

Dobbiamo contenere gli afflussi in ospedale sia per preservare i nostri sanitari che lavorano senza sosta per tutti noi, sia per la comunità intera. Dobbiamo assumere un agire consapevole nell’interesse di noi stessi, dei nostri cari e della collettività, un comportamento che ci ha sempre contraddistinto ma che in questo periodo ci richiede un ulteriore sforzo. Restare a casa – l’appello del primo cittadino – e chi non può farlo, si muova con tutte le doverose precauzioni, dalle distanze di sicurezza tra persone ai dispositivi di protezione individuali. Maturiamo una sempre maggiore cultura della solidarietà e una vicinanza psicologia nei confronti di chi oggi vive il dramma del Coronavirus. Insomma dobbiamo essere tutti attenti e consapevoli, evitando la caccia alle streghe. Stiamo vivendo un cambiamento, questo è evidente, e dobbiamo affrontarlo con una forte identità culturale e sociale che magari – il messaggio di ottimismo di Rotoni – potrebbe portarci, chissà, anche a un miglioramento. Per il momento, però, l’imperativo è essere rigorosi e consapevoli”.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X