facebook twitter rss

Covid19, il richiamo dell’Ordine
dei giornalisti delle Marche: “Attenzione
ai titoli, serve responsabilità”

STAMPA - Il presidente dell'ordine dei Giornalisti delle Marche, Franco Elisei: "L’Ordine comprende il lavoro logorante dei colleghi, troppo spesso sotto pressione e chiamati, nell’attuale realtà, a un impegno che va al di sopra delle loro stesse forze. Ma la responsabilità è il nostro guardiano quotidiano"
Print Friendly, PDF & Email

Franco Elisei

Massima attenzione ai titoli. Invito alla responsabilità in una fase delicata dell’emergenza Covid“. E’ l’appello, il monito che arriva dall’Ordine dei giornalisti delle Marche con il suo presidente Franco Elisei che richiama tutti i colleghi marchigiani a un’assunzione di responsabilità. Insomma la notizia ‘urlata’ è da evitare.

In un momento così delicato, in bilico tra motivi di speranza e rinnovati timori per l’andamento della pandemia da Covid-19, l’informazione – la riflessione del presidente Franco Elisei – si ritrova ad assumere ancor più un ruolo di responsabilità. L’Ordine dei giornalisti delle Marche invita, pertanto, tutti i colleghi a prestare la massima attenzione nell’uso delle parole e soprattutto nella titolazione dei servizi.
Nell’attuale contesto va evitata la notizia urlata senza motivo, la sola ricerca dell’effetto, pur nella limitazione della sintesi. Effetto che rischia di esaurirsi in un sensazionalismo opinabile o addirittura di suscitare ulteriori e contestabili allarmismi o forme di intolleranza.
L’Ordine comprende il lavoro logorante dei colleghi, troppo spesso sotto pressione e chiamati, nell’attuale realtà, a un impegno che va al di sopra delle loro stesse forze. Ma la responsabilità – il monito del presidente Elisei – è il nostro guardiano quotidiano. Quello che arriva ai lettori o agli utenti multimediali non deve suscitare una percezione della realtà fuori misura. E’ anche un obbligo deontologico. La lingua italiana si presta a innumerevoli forme espressive. Trovare le parole giuste è una nostra capacità. E un nostro dovere”.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti