facebook twitter rss

Oltre 3000 preferenze, Mauro Lucentini
approda in Consiglio regionale

MONTEGRANARO - "Il grande lavoro politico di segreteria, unito ai tanti problemi del territorio affrontati ed in molti casi risolti, la chiave del successo elettorale. Un modo di procedere che ora continueremo a cavalcare da protagonisti all'interno dell'assise marchigiana per il nostro territorio" le parole del neo membro della maggioranza regionale
Print Friendly, PDF & Email

Mauro Lucentini, all’interno della sede elettorale di Montegranaro, al momento della matematica certezza del seggio maturato nell’assise regionale

di Paolo Gaudenzi

 

Festa grande presso la sede elettorale veregrense della Lega.

Mauro Lucentini, forte di 3.333 voti di preferenza, è ufficialmente un membro del Consiglio regionale, prossimo a sedere al fianco del neo presidente marchigiano Francesco Acquaroli tra i banchi della maggioranza.

Attuale consigliere d’opposizione comunale calzaturiera, già assessore a più riprese con l’allora giunta guidata dal primo cittadino Gastone Gismondi, per Lucentini ecco dunque maturare un primo incarico fuori dai confini montegranaresi dopo la recente candidatura alle elezioni europee, sempre tra le liste del Carroccio. Una soddisfazione che Lucentini, abituato a scenari collettivi e di gruppo (su tutte le passioni per volontariato ed associazionismo), ha subito condiviso con i sostenitori.

“Ringrazio tutti coloro che mi hanno dato una mano, il mio staff in primis ma non da meno gli elettori, vale a dire gli artefici del positivo riscontro avuto dalle urne – il suo commento a caldo -. Il lavoro svolto in questi anni come segreteria politica provinciale ha dato i suoi frutti. Senza dubbio li ha dati anche il fatto di aver vissuto il territorio capillarmente, prendendo di petto questioni delicate come la crisi degli ippodromi, la messa in atto per il settore produttivo dell’area di crisi complessa, l’essere stati vicini alla protezione civile e l’aver collocato al centro dell’attenzione il nodo delle infrastrutture”.

“Azione politica e di segreteria, senza venire mai meno dunque alla soluzione pratica, o alla ricerca della stessa, in merito ai tanti problemi riscontrati nel corso della nostra attività. Quest’accoppiata a mio avviso è stata la chiave di volta – il congedo del neo consigliere regionale – ed è proprio la rotta che continuerò, anzi continueremo, a tracciare ad Ancona per il bene di tutta la Regione. Certamente mettendo l’accento sulle criticità che il Fermano, da troppo tempo abbandonato a se stesso, palesa da anni”.

 

Fotogallery

Lucentini ed il suo staff durante i primi riscontri relativi allo spoglio iniziato nel pomeriggio di ieri



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X