fbpx
facebook twitter rss

Coronavirus, Sim: “Ai carabinieri
in servizio si conceda l’uso
di anfibi e uniformi da ordine pubblico”

CARABINIERI - Il sindacato Sim Carabinieri Marche chiede al comando generale dell'Arma di consentire ai militari in servizio di poter utilizzare divise da ordine pubblico e anfibi, rapidamente igienizzabili.
Print Friendly, PDF & Email

“Basta bandoliera e scarpette di cuoio. Gli anfibi si lavano le scarpette no” E’ la riflessione del Sim, sindacato italiano militari Carabinieri.
“Ieri sera il presidente Giuseppe Conte, ha dichiarato l’Italia zona rossa.
Il Sim Carabinieri Marche, con fare responsabile e propositivo, chiede subito che tutti i carabinieri in servizio, fatti salvi, coloro i quali hanno dotazioni che consentono un rapida igienizzazione dei capi di vestiario indossino uniformi da ordine pubblico con anfibi.
Per capirci, già di per sé è anacronistico vedere carabinieri di pattuglia, nel 2020 con la bandoliera in cui si tenevano le munizioni della carabina. Per carità nessuno vuole togliere definitivamente un simbolo della nostra istituzione. Già con una delle nostre prime delibere avevamo trattato tale argomento ma ora la cosa è di eccezionale gravità, ed e veramente inconcepibile vedere che ci sono carabinieri che girano ancora con tali anacronistici capi di vestiario.
Le scarpe di cuoio si possono lavare e igienizzare rapidamente? Risposta? Di certo non rapidamente come gli anfibi. Per non parlare degli altri accessori, quali cravatta e berretto, nonché la stessa uniforme, che non si può di certo infilare subito in una lavatrice, per una accurata igienizzazione, mentre una tuta da ordine pubblico, capo di vestiario più tattico – continuano dal Sim – sì è facilmente igienizzabile.
Noi del Sim carabinieri Marche chiediamo, speriamo ed auspichiamo, che il comando generale da subito adotti delle disposizioni in merito, per avere carabinieri che possono igienizzare in maniera rapida calzature e divise. Speriamo di essere ascoltati, anche perché tali provvedimenti sono da subito attuabili a costo zero. #Maipiusoli è il nostro motto ed ora più che mai diventa necessario metterlo in atto. Restiamo in attesa fiduciosi”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X