facebook twitter rss

Coronavirus, Ordine dei giornalisti e Sigim
alla Regione: “Subito un open web, i messaggi
su rete e social non consentono domande”

VIRUS - Il presidente dell'OdG Elisei e il segretario Sigim Severini esprimono "perplessità sulla scelta discutibile della Regione Marche di non avvalersi dello strumento della conferenza stampa, ovviamente a distanza, via web, per comunicare agli operatori dell’informazione le notizie sulla grave pandemia ma di usare il mezzo della comunicazione diretta attraverso la rete e i social, che non permette di sollevare domande, né di esercitare in modo contestuale un’eventuale analisi critica"
Print Friendly, PDF & Email

Franco Elisei

 

Cordoglio per le vittime del Coronavirus, plauso e gratitudine a chi è in prima linea nella guerra contro il virus e un monito-appello ben preciso alla Regione: “Subito un open web che consenta alla categoria di fare domande e approfondimenti. Questi i cardini della lettera aperta alla Regione di Franco Elisei e Piergiorgio Severini.

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti delle Marche e il segretario del Sigim, Sindacato dei giornalisti marchigiani ribadiscono vicinanza a tutti le colleghe e colleghi impegnati a fornire un’informazione puntuale e corretta sull’emergenza Covid-19, esprimono cordoglio a tutte le famiglie che hanno perso i loro cari, e gratitudine a tutti gli operatori sanitari, Protezione civile, volontari e forze dell’ordine che si stanno prodigando in questo momento difficilissimo e delicato.

Allo stesso tempo, però, sollevano “perplessità sulla scelta discutibile della Regione Marche – scrivono Elisei e Severini – di non avvalersi dello strumento della conferenza stampa, ovviamente a distanza, via web, per comunicare agli operatori dell’informazione le notizie sulla grave pandemia che sta colpendo la regione e l’Italia intera, ma di usare il mezzo della comunicazione diretta attraverso la rete e i social, che non permette di sollevare domande, né di esercitare in modo contestuale un’eventuale analisi critica, fondamentale nella nostra professione per non subire e far subire passivamente ogni messaggio. Che diventerebbe così unilaterale. E costringe i giornalisti ad approfondire e/o trovare risposte alle proprie domande attraverso altri canali. Non tanto sui numeri drammatici dell’emergenza, quanto su scelte di natura politico-economico- sanitaria strettamente collegate.

Piergiorgio Severini

L’invito è di attivare quanto prima un “open web”, che possa permettere a tutte le testate di avere un punto di riferimento preciso per poter poi realizzare servizi completi e senza equivoci, ma soprattutto con la possibilità di formulare contestualmente eventuali quesiti nel merito, in funzione di una sempre auspicata e maggiore trasparenza, evitando al tempo stesso, se non per propria scelta, di rincorrere necessariamente altri interlocutori. Perché si sa, l’informazione non si ferma”.

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti