fbpx
facebook twitter rss

Porto Sant’Elpidio combatte il Coronavirus: non solo bar e ristoranti, anche molti negozi scelgono la chiusura anticipata

PORTO SANT'ELPIDIO - "Autovettura con altoparlante per sollecitare la popolazione a restare in casa"
Print Friendly, PDF & Email

di Paolo Paoletti

Non solo bar e ristoranti. Questa sera a Porto Sant’Elpidio sono stati diversi anche i negozi che hanno scelto la chiusura anticipata a dimostrazione della crescente sensibilità nella lotta alla diffusione del Coronavirus. Dalle 18 in poi, come avvenuto già ieri e come sarà fino al prossimo 3 aprile, salvo nuove indicazioni dal Governo, tutte le attività dedite alla ristorazione, pizzerie, bar, gelaterie e affini hanno chiuso i battenti. Insieme a loro anche molti altri commercianti che pur potendo restare aperti, hanno preferito chiudere in anticipo le proprie attività.

Un grande messaggio di sensibilità  che arriva proprio dalla città di Porto Sant’Elpidio che nei giorni scorsi ha fatto registrato due contagi da Coronavirus. E si può fare ancora di più.

Alle 18.30 lo scenario era quella di una città deserta. Piazze, ma anche strade del centro. Qualche sportivo che correva sul lungomare, per il resto la stragrande maggioranza dei cittadini ha scelto responsabilmente di restare a casa. Situazione simile anche al centro commerciale Auchan, al confine con Civitanova Marche. Alle 19.30 di oggi gran parte dei negozi erano chiusi. Unica eccezione il supermercato e la farmacia per consentire a chi usciva da lavoro la possibilità di acquistare beni alimentari e di prima necessità.

Come annunciato dal sindaco Nazareno Franchellucci, impegnato nel pomeriggio nella riunione in video conferenza con la Prefettura a partire da oggi:” Girerà per le vie cittadine una autovettura comunale con altoparlante per sollecitare la popolazione a restare in casa ed a uscire solo per ragioni lavorative, sanitarie e per stato di necessità. Questi avvisi con queste modalità proseguiranno anche nei prossimi giorni”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X