fbpx
facebook twitter rss

Coronavirus, Murri ‘blindato’: familiari e visitatori non ammessi all’interno delle degenze

FERMO - Inoltre è vietato l'accesso alle strutture extraospedaliere ( Cure Intermedie Montegiorgio, Cure Intermedie S.Elpidio a Mare, RSA Amandola, RSA Petritoli, RSA Montegranaro, RSR Porto San Giorgio, Hospice Montegranaro)
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale Murri di Fermo

Familiari e visitatori non ammessi, da oggi, all’interno delle degenze del presidio ospedaliero di Fermo, l’ospedale Murri. Questa la nuova limitazione comunicata oggi pomeriggio dalla direzione dell’Area Vasta 4 di Fermo. Un provvedimento sicuramente forte, al quale l’Area Vasta 4 stava pensando da qualche giorno, che va a garantire la massima sicurezza per i pazienti affinchè il Covid19 non entri nelle corsie e soprattutto tra i pazienti del Murri.  Le informazioni ai familiari saranno comunicate dagli operatori sanitari negli spazi di attesta antistanti l’ingresso delle UU.OO. di degenza dalle ore 13  alle ore 14 .

Inoltre è vietato l’accesso alle strutture extraospedaliere ( Cure Intermedie Montegiorgio, Cure Intermedie S.Elpidio a Mare, RSA Amandola, RSA Petritoli, RSA Montegranaro, RSR Porto San Giorgio, Hospice Montegranaro) da parte di visitatori. Sarà cura del medico referente di sede distrettuale, o del medico referente clinico di struttura o del coordinatore infermieristico, valutare eventuali deroghe che dovranno però avere motivazioni di assoluta, oggettiva importanza e requisiti di eccezionalità.

Ci sono anche variazioni per l’accesso all’ufficio protesi (accesso solo telefonico chiamando il numero 0734 625 3244 / oppure 0734 6252912 o via mail: [email protected] / [email protected]) e all’ufficio rimborsi (chiamando il numero 0734 625 3245 / 0734 625 3243 o via mail: [email protected] / [email protected])

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X