facebook twitter rss

Coronavirus e controlli,
raffica di denunce
e ‘scuse’ che non reggono

FERMANO - Sono una ventina le persone denunciate tra venerdì notte e ieri. In azione polizie locali, carabinieri, polizia, guardia di finanza e capitaneria di porto che stanno pattugliando le principali arterie viarie del Fermano, ma in molti casi anche strade secondarie, come pure parchi e giardini pubblici, piazze e lungomare. Un occhio delle divise anche a negozi e pubblici esercizi
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Proseguono senza sosta, e senza orario, i controlli delle forze dell’ordine per vigilare sul rispetto dei dettami imposti dal decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che regola, anzi meglio, limita di molto, e con pochissime eccezioni, la circolazione stradale e le aperture di esercizi commerciali. Impegnate a tutto campo le polizia locali di tutti i Comuni del Fermano, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Capitaneria di Porto con la Protezione civile a passare senza sosta per le principali strade della provincia a ricordare che chi esce di casa senza un buon motivo, o meglio, un motivo lecito, rischia una sanzione da 206 euro e la denuncia penale.

Andando ai dati dei controlli, sono una ventina le persone denunciate nella sola giornata di ieri dalle polizie locali e dai carabinieri, si va dai due giovani incuranti dell’ordinanza che se ne stavano tranquilli in strada a Montegranaro, sorpresi dai carabinieri della locale stazione, alla coppia pronta per la serata da week end fermati a Porto Sant’Elpidio. Quattro giovani bloccati, due a Fermo e due a Porto San Giorgio. Altri due in giro a Sant’Elpidio a Mare. A Porto Sant’Elpidio sono stati denunciati anche quattro amici, tutti sulla settantina, placidamente seduti su una panchina in centro. E c’è anche chi, in un parco pubblico di Fermo, ha provato a farla franca raccontando alle forze dell’ordine che era lì per portare a spasso il cane. Peccato che all’appello mancassero proprio il cane e il guinzaglio. 

A Porto San Giorgio, a fornire il report sulla giornata di controlli di ieri è direttamente il Comune con una nota stampa: “Continua l’attività di controllo in centro da parte della Polizia municipale su tutto il territorio comunale di Porto San Giorgio per il rispetto delle disposizioni dell’emergenza Coronavirus. I dati ufficiali di fine giornata parlano di 65 automobilisti fermati per la verifica dei loro spostamenti e delle relative autocertificazioni. Si sommano ai 43 della giornata di giovedì e ai 36 di ieri. Numerosi passaggi sono stati, effettuati, in particolare nei parchi pubblici da nord a sud, in centro e sul lungomare. Continua ad essere registrato un drastico calo del flusso di mezzi in circolazione, legato solo alle strette esigenze dei cittadini.   Va rimarcato che i dati della Municipale non comprendono quelli delle altre forze di polizia”.

Intanto sempre a Porto San Giorgio è attivo e operativo, dal 12 marzo scorso alle 15, con ordinanza firmata ufficialmente ieri, il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile in base al vigente Piano comunale di Emergenza di Protezione Civile, al fine di seguire l’insorgere di eventuali emergenze sanitarie e di assicurare nell’ambito del territorio comunale la direzione ed il coordinamento di eventuali servizi di assistenza; Il Centro operativo Comunale si trova in via Costa 1. A presiedere il Coc è il sindaco. Al tavolo anche il responsabile tecnico di Protezione Civile che coordina il Coo Stefano Sisi. Tra le funzioni la Sanità, assistenza sociale e veterinaria con Giorgio Peci, i servizi sociali del Comune, il volontariato e assistenza/informazione alla popolazione con Luciano Pazzi, coordinatore del Gruppo comunale Protezione Civile, le Strutture operative Locali con Giovanni Paris, comandante del Corpo di Polizia Locale. Le singole funzioni, nell’ambito delle proprie competenze, si attiveranno per il coinvolgimento immediato di tutti gli organi preposti interessati, delle forze dell’ordine e delle associazioni di volontariato, informando il sindaco.

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti