facebook twitter rss

«C’è ancora chi non rispetta le norme,
altri cinque verbali
» e Franchellucci
‘chiude’ i giochi nei parchi della città

PORTO SANT'ELPIDIO - "Voloevo aprire la giornata con un video su una buona notizia: contagi e quarantene nel nostro territorio si sono stabilizzati. Ma purtroppo ho avuto la notizia delle trasgressioni dal comandante dei carabinieri. Chiederò una stretta a tutte le forze dell'ordine"
Print Friendly, PDF & Email

AGGIORNAMENTO 3/4/20 ORE 11.45#CORONAVIRUSASSURDO CHE ANCORA LE FORZE DELL'ORDINE DEBBANO FARE VERBALI PER FAR RISPETTARE GLI OBBLIGHI! NON È QUESTO IL MODO IN CUI NE VERREMO FUORI!Fatelo per voi ma soprattutto per le persone più fragili. MI DISPIACE…ma c'è bisogno di una ulteriore stretta sui controlli IL SINDACO Franchellucci

Pubblicato da Nazareno Franchellucci Sindaco Porto Sant'Elpidio su Venerdì 3 aprile 2020

di redazione CF

I furbetti da Coronavirus ancora scorrazzano per la città. E continuano a scattare le sanzioni. Nelle ultime ore i carabinieri della stazione di Porto Sant’Elpidio ne hanno elevate ben 5. E il sindaco Nazareno Franchellucci ha deciso di recintare i giochi dei parchi della città.

“Questa mattina – le dichiarazioni del primo cittadino in un video su Facebook – ero intenzionato ad aprire la giornata con un video su una buona notizia, sul fatto, ossia, di aver ricevuto l’aggiornamento sui numeri dei contagi e della quarantena che si sono stabilizzati.

Purtroppo, però, non posso incentrarlo su questa buona notizia perché questa mattina, molto presto, il comandante della nostra stazione dei carabinieri, il luogotenente Corrado Badini, mi ha comunicato che in giro, per la città, non si rispettano le prescrizioni. Sono stati fatti 5 verbali. Oggi a domani, e lo dicono con grande dispiacere, sono costretto a mandare gli operai del Comune a recintare, con nastri rossi, tutti i giochi dei parchi giochi. Non è questo il modo per uscire rapidamente dall’emergenza.

 

Non possiamo permetterci, anche se con numeri del contagio stabilizzatisi o perché c’è il beltempo, di riprendere le nostre normali attività. Se vogliamo rapidamente uscire dall’emergenza e tutelare la salute di tutti noi dobbiamo continuare a rimanere a casa. Ma tanti non l’hanno capito o si stanno ‘allentando’ nei comportamenti .Contatterà la questura per chiedere che, oltre agli interventi della polizia locale e dei carabinieri, ci sia una stretta anche di tutte le altre forze dell’ordine. Cerchiamo di dimostrare la nostra responsabilità altrimenti non ne verremo fuori”.

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti