facebook twitter rss

“Trasportatori trattati come un pericolo,
non ci sono le condizioni per lavorare”

CONFARTIGIANATO - Il presidente interprovinciale dei trasporti Emanuele Pepa denuncia e lancia un grido d’allarme per la situazione che si è venuta a creare con la diffusione del Coronavirus
Print Friendly, PDF & Email

 

Emanuele Pepa

«Non ci sono più le condizioni per lavorare con serenità e sicurezza». Il presidente interprovinciale di Confartigianato Trasporti, Emanuele Pepa, denuncia e lancia un grido d’allarme per la situazione che si è venuta a creare a seguito del decreto del 9 marzo 2020 volto a fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso, che ha esteso a tutto il territorio nazionale le misure previste all’articolo 1 del decreto del presidente del Consiglio. 

«E’ arrivato il momento di fermarsi come autotrasportatori – dichiara Pepa – meglio ancora se il fermo riguardasse tutta l’Italia, ovviamente relativamente alle attività che non determinerebbero caos distributivi nella catena alimentare e nella farmaceutica. Alcune aziende addirittura non fanno né caricare, né scaricare autotrasportatori provenienti da particolari zone». Pepa spiega come nei luoghi di transito i trasportatori «vengano trattati come ‘contagiati’ e quindi pericolosi, i clienti, a ragione o meno, hanno troppa paura e sono sempre più diffidenti. Inoltre, con la chiusura alle 18 delle attività di ristorazione come trattorie, ristoranti o autogrill, non abbiamo più la possibilità di utilizzare servizi igienici, di farci una doccia o di consumare un pasto caldo durante le nostre percorrenze».
Aggiunge Pepa: «Quello che è più importante ora in considerazione del numero elevato di decessi già registrati, è il rispetto e la salvaguardia della nostra salute, dei nostri dipendenti e delle rispettive famiglie. E’ una decisione difficile e se vogliamo coraggiosa che sappiamo avere grandi ripercussioni in particolar modo sotto l’aspetto economico, ma in questo momento dobbiamo tutelare la salute e la vita. Ne va della nostra coscienza».

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti