facebook twitter rss

Follia da Coronavirus,
gli sfondano il vetro dell’auto
per rubargli la mascherina

MONTE URANO - Il proprietario dell'auto, Gabriele Malvestiti: "Penso che il gesto sia davvero grave perché è lo specchio di una situazione di psicosi che ha passato il segno". Poi, però, il messaggio di speranza: "Stiamocene a casa e sconfiggiamo il Coronavirus il prima possibile"
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

“Cosa penso? Semplicemente che siamo alla follia. Forse questo maledetto Coronavirus è stato sottovalutato. Quando si sono resi conto della gravità del virus, purtroppo eravamo già fuori tempo massimo con mascherine, disinfettanti e dispositivi vari. E la psicosi dilaga”. E’ un Gabriele Malvestiti assolutamente sconsolato, amareggiato, quello che risponde al telefono. Amareggiato, certo, per la brutta sorpresa trovata questa mattina in strada, a Monte Urano, mentre si apprestava a salire in auto per recarsi al lavoro. Qualcuno, infatti, nella notte, gli ha sfondato il vetro posteriore destro dell’auto. E, incredibile ma vero, dall’interno della vettura è sparita solo una mascherina.

“E’ proprio così – racconta malvestiti – l’auto era parcheggiata dalle parti di via Friuli. Uno sfregio? Direi proprio di no. Mica è un dispetto. Hanno rotto il vetro e poi, con il bastone che uso per andare a camminare in montagna, hanno prelevato la mascherina che era appoggiata sul cruscotto. Penso che il gesto sia davvero grave perché è lo specchio di una situazione di psicosi che passa il segno” e che infrange anche la legge. “Siamo alla follia”. Ma, nonostante tutto, Malvestiti trova l’animo per lanciare il suo messaggio di coraggio ai suoi concittadini, a tutti coloro che in questi giorni sono chiamati a dover restare in casa per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Insomma un messaggio di speranza a tutta Italia: “Stiamocene a casa, non usciamo se proprio non dobbiamo.  Speriamo di sconfiggere il Coronavirus quanto prima, e che faccia meno vittime possibile“.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti