facebook twitter rss

Macchinari per l’ospedale Murri, anche il Soroptimist club Fermo aderisce alla raccolta fondi

FERMO - Giovanna Paci - "E' importante dare un veloce impulso a questa raccolta fondi con donazioni proprie o anche semplicemente condividendo la campagna ciascuno con i propri contatti in modo semplice e rapido tramite social o whatsapp"
Print Friendly, PDF & Email

Il Soroptimist Club di Fermo ha deciso di unirsi e di sostenere l’ importante campagna per arrivare prima e meglio alla soglia fissata dei 50mila euro da devolvere all’ospedale Murri di Fermo. “Si tratta di una raccolta fondi attivata da Valentina Di Croce, dottoressa fermana che lavora a Londra – spiega la presidente del Club Giovanna Paci – e che ha pensato di lanciare un crowdfunding sulla piattaforma  gofundme , dove ognuno può donare una qualsiasi cifra anche in forma anonima. Ogni donazione è tracciata e verificata attraverso il sito ed a conclusione si darà evidenza pubblica del buon esito dell’operazione”.

Club fermano Soroptimist che spiega come l’iniziativa, che gode dell’approvazione dell’Area Vasta (lo scambio di email è visionabile nella pagina internet https://www.gofundme.com/f/donazione-all039ospedale-civile-amurri-di-fermo?utm_source=customer&utm_medium=copy_link&utm_campaign=p_cf+share-flow-1 ), ha incontrato la solidarietà di molte persone tanto da raggiungere nel giro di pochi giorni già 30mila euro.

L’intento è quello di provvedere all’acquisto di macchinari in questo momento indispensabili nei reparti più colpiti dal Covid (terapia intensiva, medicina, pronto soccorso), ma che possano anche rimanere come dotazioni fisse dell’Ospedale. La selezione di tali apparecchiature viene ovviamente concordata con i responsabili dell’Area Vasta per far sì che la donazione sia efficace ed utile.

Presidente Paci che aggiunge: “Il Soroptimist è felice di condividere questo meraviglioso progetto, attivato da una giovane donna medico, simbolo delle nuove STEM e della parte migliore della nostra società che in questi giorni si riscopre fragile ma al contempo unita e determinata a fare la propria parte e produrre azioni positive. Ora è importante dare un veloce impulso a questa raccolta fondi con donazioni proprie o anche semplicemente condividendo la campagna ciascuno con i propri contatti in modo semplice e rapido tramite social o whatsapp. C’è bisogno del nostro aiuto ora, c’è bisogno di essere veloci“.

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti