fbpx
facebook twitter rss

Decreto ‘Cura Italia’, Confartigianato:
“Indennità per autonomi e Partite Iva:
raccolte oltre 3000 richieste”

LAVORO - Il segretario Menichelli: "In questi giorni stiamo gestendo migliaia di richieste che ci arrivano da nostri associati e non. Aspettiamo con ansia la comunicazione dell’Inps così da poter prontamente attivare la nostra macchina operativa a supporto di tutti i lavoratori coinvolti in questa misura"
Print Friendly, PDF & Email

Giorgio Menichelli

C’è grande fermento intorno a una delle misure del Decreto Cura Italia più discusse, ovvero quella prevista per i lavoratori autonomi e partite iva, un’indennità di 600 euro, per il mese di marzo, non soggetta ad imposizione fiscale.

“Ricordiamo che questo contributo – spiegano da Confartigianato – sarà destinato nello specifico a liberi professionisti con partita iva, collaboratori coordinati e continuativi, artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri, lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori agricoli e lavoratori dello spettacolo, una platea di circa 5 milioni di persone.

Gli uffici di Confartigianato si sono quindi tempestivamente organizzati, raccogliendo ad oggi più di 3.000 richieste da parte di lavoratori potenzialmente interessati all’indennità e predisponendo già l’operatività degli 80 addetti che si dedicheranno all’invio delle domande.

Non resta altro che attendere la circolare dell’Inps che indicherà agli operatori le procedure per la trasmissione delle domande da presentare in via telematica, che sarà presumibilmente diffusa entro la fine del mese di marzo”.

“In questi giorni stiamo gestendo migliaia di richieste che ci arrivano da nostri associati e non – afferma il segretario generale, Giorgio Menichelli – cercando di dare riposte celeri e quanto più attendibili, vista la grande confusione che possono magari generare le diverse interpretazioni del decreto. Aspettiamo quindi con ansia la comunicazione dell’Inps così da poter prontamente attivare la nostra macchina operativa a supporto di tutti i lavoratori coinvolti in questa misura”.

“Per tutti coloro che fossero interessati – concludono dalla sigla degli artigiani – è ancora possibile compilare il modulo online predisposto dall’associazione per ricevere tutti gli aggiornamenti in merito a tempistiche e modalità o chiamare il numero 0733 3661″.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X